Il nodo è nel modo

Durante lo scorso approfondimento tecnologico abbiamo iniziato a parlare di architettura, pertanto se hai perso l’articolo ti invito a leggere qui, dopodiché sarai pronto a comprendere al meglio quello di cui parleremo oggi.

I nodi

La definizione di un nodo può variare in base al contesto in cui viene utilizzato. Per quanto riguarda network di telecomunicazioni o computer, i nodi possono assumere funzioni differenti, agendo come un punto di ridistribuzione o come un communication endpoint. In genere, un nodo consiste in un dispositivo di rete fisico, anche se ci sono casi specifici in cui vengono usati nodi virtuali.

In poche parole, un nodo di rete è un punto in cui un messaggio può essere creato, ricevuto o trasmesso. Di seguito descriveremo i diversi tipi di Nodi Bitcoin: full nodes, miner nodes e client SPV.

Nodi Bitcoin

Entrando nel contesto delle blockchain — progettate come sistemi distribuiti — il network di nodi è ciò che consente di usare Bitcoin come una valuta digitale decentralizzata peer-to-peer (P2P) resistente alla censura e senza necessità di intermediari per le transazioni tra utenti (a prescindere dalla distanza fisica).

Quindi, i nodi blockchain devono agire da punto di comunicazione con diverse possibili funzioni. Qualsiasi computer o dispositivo che si connette all’interfaccia Bitcoin può essere considerato un nodo dato che tutti comunicano tra di loro in qualche modo. Inoltre, questi nodi sono in grado di trasmettere informazioni relative alle transazioni e ai blocchi all’interno del network distribuito di computer usando il protocollo peer-to-peer di Bitcoin. Tuttavia, ciascun nodo è definito in base alle sue funzioni particolari, quindi esistono tipologie diverse di nodi Bitcoin.

Full Nodes

I full nodes sono i nodi che effettivamente sostengono e forniscono sicurezza a Bitcoin, e sono indispensabili per il network. Questi nodi vengono chiamati anche full validating nodes in quanto partecipano al processo di verifica delle transazioni e dei blocchi seguendo le regole di consenso del sistema. I full nodes possono trasmettere nuove transazioni e nuovi blocchi alla blockchain.

Di solito, un full node scarica una copia della blockchain di Bitcoin con ogni blocco e transazione, anche se questo non è un requisito per essere considerato un full node (in alternativa può essere usata una copia ridotta della blockchain).

Un full node Bitcoin può essere stabilito attraverso diverse implementazioni software, anche se la più conosciuta e usata è Bitcoin Core. Questi sono i requisiti minimi per un full node Bitcoin Core:

  • Desktop o laptop con una versione recente di Windows, Mac OS X o Linux;
  • 200GB di spazio libero sul disco;
  • 2GB di memoria (RAM);
  • Connessione a internet ad alta velocità con upload di almeno 50 kB/s;
  • Connessione illimitata o con alti limiti per l’upload. I full node possono raggiungere o superare 200 GB/mese per l’upload e 20 GB/mese per il download. Inoltre dovrai scaricare ~200GB nel primo utilizzo del full node;
  • Il tuo full node dovrebbe essere attivo almeno 6 ore al giorno. Ancora meglio se rimane sempre attivo (24/7).

Diverse organizzazioni volontarie e molti utenti mantengono full node come mezzo per aiutare l’ecosistema Bitcoin. Attualmente, ci sono circa 9,700 nodi pubblici attivi nel network di Bitcoin. Questo numero include solo i nodi pubblici, ovvero i nodi Bitcoin visibili e accessibili (conosciuti come listening nodes).

Oltre ai nodi pubblici, ci sono molti altri nodi nascosti che non sono visibili (non-listening nodes). Questi nodi operano in genere dietro ad un firewall, attraverso protocolli nascosti come Tor, oppure, più semplicemente, non sono configurati per ricevere connessioni.

Miner Nodes

Per poter partecipare al processo di mining di Bitcoin nell’attuale scenario competitivo, è necessario investire in programmi e hardware specializzati. Questi programmi (software) non sono direttamente connessi a Bitcoin Core e vengono eseguiti in parallelo per cercare di minare blocchi. Un miner può decidere di lavorare da solo o in gruppi (mining pool).

Mentre i solo miner full nodes fanno uso della propria copia della blockchain, i pool miner lavorano insieme, ciascuno contribuendo con le proprie risorse (hashpower). In una mining pool, solo l’amministratore deve mantenere un full node — il quale può essere indicato come pool miner full node.

Client Lightweight o SPV

Conosciuti anche come Simplified Payment Verification (SPV) clients, i client lightweight utilizzano il network di Bitcoin ma non agiscono da full node. Di conseguenza, i client SPV non contribuiscono alla sicurezza del network in quanto non mantengono una copia della blockchain e non partecipano al processo di verifica e convalida delle transazioni.

In breve, SPV è il metodo attraverso cui un utente può controllare se alcune transazioni sono state incluse o meno in un blocco, senza dover scaricare tutti i dati del blocco. Quindi, i client SPV si basano sulle informazioni fornite da altri full node. I client lightweight agiscono da communication endpoint e sono usati da diversi wallet per criptovalute.

Client vs Mining Nodes

È importante sottolineare che mantenere un full node non è la stessa cosa di mantenere un full mining node. Mentre i miner devono investire in hardware e software costosi, chiunque può mantenere un full validating node. Inoltre, prima di provare a minare un blocco, un miner deve raccogliere le transazioni in attesa che sono state in precedenza accettate come valide dai full node. In seguito, il miner crea un blocco candidato (con un gruppo di transazioni) e cerca di minare il blocco. Se il miner riesce a trovare una soluzione valida per il blocco, lo trasmette al resto del network e i full node ne verificano la validità. Quindi, le regole di consenso sono determinate e garantite dal network distribuito di validating nodes, non dai miner.

Masternodes

I masternode sono dei full node particolari che svolgono ulteriori funzioni di validazione delle transazioni. Questi full node vengono accoppiati grazie ad una semplice procedura ad un collaterale in LYRA e che corrisponde ad uno specifico indirizzo. La rete dei masternode è pubblica e ben identificata, al momento vengono contati circa 400 masternode, ma qui puoi verificarne l’espansione.

i masternode sono l’unione di queste cose:

- Uno o due wallet full node (full node è un wallet che ha tutta la blockchain sincronizzata) attivo/i 24/24 7/7 (per comodità generalmente si tiene tutto in un vps, o almeno la parte che deve stare sempre attiva nel vps), generalmente si ha un solo wallet nel caso di hot setup (è più rischioso), o due wallet nel caso di cold setup (molto più sicuro è la procedura che consiglio)

- Con collaterale. Per mettere in piedi un masternode hai bisogno di tot monete della criptovaluta in questione. Per avere un masternode dash, quindi un full wallet remunerato devi mettere in stake 1000 dash, sono circa 300.000 dollari, 1 mn dash è arrivato a costare anche 1.600.000 dollari.

- Con operatore masternode, in alcune situazioni è richiesto anche l’intervento di una persona per sistemare alcune cose, in realtà l’operatore deve monitorare che tutto vada per il verso giusto + risolvere problemi.

- Svolgere servizi per un determinato network; generalmente i servizi sono private send instasend governance ma non solo;

Se hai un masternode attivo vieni remunerato, non in bitcoin o euro direttamente ma nella moneta del masternode in questione, successivamente è evidente che puoi scambiare quella moneta per btc o euro o valute fiat. Se fai un masternode dash verrai remunerato con alcuni dash. La tua remunerazione da masternode operatore cambia in base a quanti masternode ci sono nel network

Conclusione

I nodi Bitcoin comunicano tra di loro attraverso il protocollo di rete P2P Bitcoin e, facendolo, garantiscono l’integrità del sistema. Un nodo che agisce in modo disonesto o cerca di propagare informazioni errate viene riconosciuto rapidamente dai nodi onesti e scollegato dal network.

Nonostante il fatto che mantenere un full validating node non offra ricompense economiche, è fortemente raccomandato in quanto fornisce fiducia, sicurezza e privacy agli utenti. I full node garantiscono che le regole vengano seguite. Proteggono la blockchain da attacchi e frodi (come il double-spending). Inoltre, un full node non ha bisogno di fidarsi di nessun altro e permette all’utente di essere in pieno controllo del proprio controvalore.

Ma la tecnologia Scrypta non si ferma qui, continua a seguire gli approfondimenti tecnologici per comprendere al meglio le potenzialità dell’open

Seguici e contattaci su i nostri social

TelegramTwitterLinkedinDiscordFacebook

Adaptive Blockchain