L’effetto Coinbase

Coinbase si quota al Nasdaq

Le azioni della società, con ticker $COIN, hanno debuttato al Nasdaq mercoledì pomeriggio al prezzo di $381, un aumento del 52% rispetto al prezzo di riferimento di $ 250. Per confronto con altri direct listing di alto profilo: Slack ha debuttato al 48% in più rispetto al suo prezzo di riferimento, mentre Spotify in più del 26%.

Il prezzo delle azioni pari a $381 ha dato alla società una valutazione di debutto di appena un pelo sotto i $ 100 miliardi. Ma il titolo è rapidamente salito, toccando brevemente un massimo di $ 430 per azione, che gli ha conferito una capitalizzazione di mercato di $ 112 miliardi.

Dopodiché però è sceso di un 14% dal suo debutto a $ 381, ma è comunque aumentato del 31% dal prezzo di riferimento.

Microstrategy pagherà il board in Bitcoin

Secondo l’annuncio della società , il Consiglio di Amministrazione “ha modificato le disposizioni in materia di remunerazione” per gli amministratori classificati come non dipendenti. Tali amministratori, in futuro, riceveranno “tutte le commissioni” per i loro servizi in Bitcoin invece che in valuta fiat.

Nell’approvare questa modifica, il Consiglio ha citato il proprio impegno nei confronti di Bitcoin, “data la sua capacità di fungere da riserva di valore, supportata da un’architettura open source robusta e pubblica, non vincolata alla politica monetaria sovrana”.

In base al nuovo accordo, l’importo delle commissioni del Consiglio dovute agli amministratori non dipendenti rimane invariato e, secondo l’annuncio, sarà denominato nominalmente in USD. Al momento del pagamento, le commissioni verranno convertite da USD a Bitcoin e quindi depositate nel portafoglio digitale del membro del Board.

Nuovo ATH per Bitcoin

Bitcoin sta testando i livelli di resistenza da alcune settimane ormai, ogni volta rimbalzando ma tornando immediatamente su. Il massimo storico di oggi era quindi quasi inevitabile poiché lo slancio del mercato, il sentimento degli investitori, il tasso di accelerazione e lo sviluppo funge da motore principale.

Nonostante questo però durante il weekend si è segnato un crollo di $10.000 pari a poco meno del 8%

Axa e Bitcoin

In un annuncio, AXA Svizzera afferma di essere il primo assicuratore all-line in Svizzera a consentire ai propri clienti di pagare i loro premi in Bitcoin; l’opzione di pagare in bitcoin sarà introdotta dall’inizio di aprile per tutti i prodotti “danni”.

La decisione di lanciare un’opzione di pagamento in bitcoin per i clienti segue una ricerca di mercato condotta da AXA Svizzera alla fine del 2019, che ha rilevato che circa un terzo degli intervistati possiede o è interessato alle criptovalute. Con la pandemia che ha alimentato la diffusione delle criptovalute, l’assicuratore ha fatto il grande passo e introducendo i pagamenti in bitcoin tramite il fornitore di servizi di pagamento Inapay.

Adaptive Blockchain